L'Aquilone Rosa Onlus
Iscriviti, abbiamo bisogno anche di te!

Non sei connesso Connettiti o registrati

Violenza di Genere

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Violenza di Genere il Ven 04 Lug 2008, 16:19

Admin


Admin
Violenza


La violenza di genere si riferisce alla violenza che si rivolge verso le donne e che ha come obiettivo mantenere o aumentare la sottomissione della donna al patere egemonico maschile.

Spesso si confonde la violenza con l'aggressività o il sadismo, ma in realtà sono parole che indicano comportamenti ben distinti tra loro.

L'aggressività è innata perchè indispensabile alla sopravvivenza (aggressività difensiva), all'evoluzione (aggressività adattiva), alla maturazione del singolo (aggressività esplorativa). L'aggressività può essere considerata come una riposta dell'Io di fronte a qualsiasi minaccia esterna.

Il sadismo,
invece, ha come obiettivo specifico quello di provocare nell'altro una sofferenza sia fisica che mentale. Nel sadismo c'è un'interdipendenza con l'altro, una convivenza di piacere tra il sadico e la sua vittima, tra il sadico ed il masochista.

La violenza, invece, rimanda al concetto di potere. Benchè sia distruttiva nel suo effetto, il suo obiettivo ultimo non è provocare all'altro sofferenza, ma sottomertterlo, dominarlo, paralizzarlo, piegarlo. La violenza cerca di appropriarsi della volontà, del pensiero, delll'intimità di chi la subisce.

Quando, però, si parla di violenza domestica, non si parla solo ed esclusivamente di violenza fisica. Anche quando la violenza fisica è l'unica che lascia segni visibili agli occhi, non è altro che la punta dell'iceberg di una violenza che la ingloba e la moltiplica. Nessuno di noi ignora che per gli esseri umani la sofferenza fisica implica sempre un'esperienza psicologica.

Gli atti violenti fisici hanno delle conseguenze psicologiche e quelli di violenza psicologica possono avere conseguenze sul piano fisico.

La violenza domestica include la violenza fisica, psicologica, economica e in molti casi la violenza sessuale.

La violenza fisica comprende l'uso di qualsiasi atto volto a far male o a spaventare la vittima, causando ferite che richiedono cure mediche di emergenza, ma anche ogni contatto fisico mirante a spaventare ed a rendere la vittima soggetta al controllo dell'aggressore.

La violenza psicologica consiste in attacchi verbali (derisione, molestia verbale, insulto, isolamento, separazione, minacce verbali di abuso, aggressione)

La violenza economica consiste in diversi comportamenti basati sempre sul controllo: negare l'accesso alle finanze familiari; occultare le informazioni sulla situazione patrimoniale; appropriarsi dei propri risparmi.

La violenza sessuale presuppone l'imposizione di relazioni o pratiche sessuali indesiderati o di rapporti che implichino il far male fisicamente e/o psicologicamente, sotto minacce di varia natura. Lo stupro non è soltanto l'imposiizone di un rapporto sessuale o di un'intimità non desiderata bensì è un crimine di umiliazione, di sopraffazione e di soggiogazione, che provoca nella vittima profonde ferite fisiche e psichiche.

Tra la popolazione femminile, di età compresa tra i 15 ed i 44 anni, la violenza miete più numero di vittime che le malattie, come il cancro o gli incidenti stradali.

Vedi il profilo dell'utente http://laquilonerosa.forumattivo.com

2 Re: Violenza di Genere il Lun 01 Set 2008, 13:08

Admin ha scritto:
Violenza


La violenza di genere si riferisce alla violenza che si rivolge verso le donne e che ha come obiettivo mantenere o aumentare la sottomissione della donna al patere egemonico maschile.

Spesso si confonde la violenza con l'aggressività o il sadismo, ma in realtà sono parole che indicano comportamenti ben distinti tra loro.

L'aggressività è innata perchè indispensabile alla sopravvivenza (aggressività difensiva), all'evoluzione (aggressività adattiva), alla maturazione del singolo (aggressività esplorativa). L'aggressività può essere considerata come una riposta dell'Io di fronte a qualsiasi minaccia esterna.

Il sadismo,
invece, ha come obiettivo specifico quello di provocare nell'altro una sofferenza sia fisica che mentale. Nel sadismo c'è un'interdipendenza con l'altro, una convivenza di piacere tra il sadico e la sua vittima, tra il sadico ed il masochista.

La violenza, invece, rimanda al concetto di potere. Benchè sia distruttiva nel suo effetto, il suo obiettivo ultimo non è provocare all'altro sofferenza, ma sottomertterlo, dominarlo, paralizzarlo, piegarlo. La violenza cerca di appropriarsi della volontà, del pensiero, delll'intimità di chi la subisce.

Quando, però, si parla di violenza domestica, non si parla solo ed esclusivamente di violenza fisica. Anche quando la violenza fisica è l'unica che lascia segni visibili agli occhi, non è altro che la punta dell'iceberg di una violenza che la ingloba e la moltiplica. Nessuno di noi ignora che per gli esseri umani la sofferenza fisica implica sempre un'esperienza psicologica.

Gli atti violenti fisici hanno delle conseguenze psicologiche e quelli di violenza psicologica possono avere conseguenze sul piano fisico.

La violenza domestica include la violenza fisica, psicologica, economica e in molti casi la violenza sessuale.

La violenza fisica comprende l'uso di qualsiasi atto volto a far male o a spaventare la vittima, causando ferite che richiedono cure mediche di emergenza, ma anche ogni contatto fisico mirante a spaventare ed a rendere la vittima soggetta al controllo dell'aggressore.

La violenza psicologica consiste in attacchi verbali (derisione, molestia verbale, insulto, isolamento, separazione, minacce verbali di abuso, aggressione)

La violenza economica consiste in diversi comportamenti basati sempre sul controllo: negare l'accesso alle finanze familiari; occultare le informazioni sulla situazione patrimoniale; appropriarsi dei propri risparmi.

La violenza sessuale presuppone l'imposizione di relazioni o pratiche sessuali indesiderati o di rapporti che implichino il far male fisicamente e/o psicologicamente, sotto minacce di varia natura. Lo stupro non è soltanto l'imposiizone di un rapporto sessuale o di un'intimità non desiderata bensì è un crimine di umiliazione, di sopraffazione e di soggiogazione, che provoca nella vittima profonde ferite fisiche e psichiche.

Tra la popolazione femminile, di età compresa tra i 15 ed i 44 anni, la violenza miete più numero di vittime che le malattie, come il cancro o gli incidenti stradali.



ciao interessanti queste info.... sai che io ho un'amica di famiglia che ha subito violenza dal marito e anche le sue figlie hanno subito violenza dal padre se ti interessa puoi andare ha leggere le sue sofferenze su google digitando ***** e se le vuoi parlare per capirci di più delle sue sofferenze puoi telefonargli al numero ***** lei è di tradate.

Vedi il profilo dell'utente http://blog.libero.it/lucedelsole/

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum