L'Aquilone Rosa Onlus
Iscriviti, abbiamo bisogno anche di te!

Non sei connesso Connettiti o registrati

Il progetto di Daewoo in Madagascar

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Il progetto di Daewoo in Madagascar il Ven 28 Nov 2008, 00:31

Il progetto di Daewoo in Madagascar

Che cosa hanno in comune Madagascar e Corea del Sud ? In apparenza nulla. Il primo Ŕ un Paese in via di sviluppo, il secondo Ŕ una potenza economica. Uno sta in Africa, l'altro in Asia. I malgasci hanno un territorio incontaminato. Ai coreani manca il terreno coltivabile. Il Madagascar ha 28 abitanti per km2, la Corea del Sud 493 abitanti per km2.
Due Paesi diversi tra loro, ma accomunati oggi dalla Daewoo e dal neocolonialismo senza capitali. Tronchetti e Colaninno hanno fatto scuola anche all'estero.
Un tempo si regalavano collanine e pietre lucenti agli indigeni in cambio di ogni ben di Dio. Oggi neppure quelli.
La Corea del Sud ha bisogno di mais, di olio di palma, di prodotti dell'agricoltura. Il Madagascar ha terra. La Daewoo sigla un accordo con il governo del Madagascar. Cessione di 1,3 milioni di ettari coltivabili per 99 anni. Pi¨ della metÓ della terra coltivabile del Paese (2,5 milioni di ettari).
Il tutto GRATIS. In cambio la Daewood si impegna ad assumere i malgasci come contadini.

ft_201108_madagascar.jpg
Immagine dal Financial Times

Secondo mister Hong, manager della Daewoo: "E' terra totalmente non sviluppata, incontaminata. E noi daremo lavoro rendendola coltivabile, e questo Ŕ buono per il Madagascar."
I prodotti di 1,3 milioni di ettari del Madagascar saranno inviati in Corea del Sud per il suo fabbisogno, Ŕ probabile che neppure una pannocchia rimanga ai malgasci.
Il Madagascar fa parte del World Food Programme da cui riceve cibo per 600.000 persone che vivono al limite della sussistenza. Gente alla fame alla quale si aggiungeranno migliaia di piccoli agricoltori con le loro famiglie.

Madagascar.jpg
Distruzione foreste in Madagascar - foto Foko -Madagascar

Gli 1,3 milioni di ettari sono in gran parte foreste. Saranno distrutte con pesanti effetti sul clima.Il contadino del Madagascar viene espropriato della terra, il cibo viene inviato all'estero, il suo ambiente viene distrutto. In cambio potrÓ lavorare per la Daewoo. Che culo!
Chi ha risorse non ha soldi. Chi ha soldi si compra le risorse. Ma cosa sono i soldi? Da dove provengono? Indovinate. Dalle risorse di chi non ha soldi.
L' Africa ha la maggiior parte della terra fertile non coltivata del mondo e la maggior parte dei morti di fame. Una ragione ci sarÓ.




fonte www.beppegrillo.it

Vedi il profilo dell'utente

2 Re: Il progetto di Daewoo in Madagascar il Ven 28 Nov 2008, 17:17

Mi sembra la stessa identica questione del MEND... questi guerriglieri che rivendicano il loro diritto di possesso sulla loro terra: la Nigeria.
E vedrai che se poi non si giungerÓ alla stessa conclusione anche in Madagascar e Corea.
L'errore pi¨ grande Ŕ credere che in qualche modo queste comunitÓ
vengano aiutate. In realtÓ l'aiuto sarebbe dare loro i mezzi,
non fare in modo che questi mezzi diventino proprietÓ altrui.
Ma Ŕ un discorso che va al di lÓ della cultura di un popolo. Purtroppo
Ŕ una questione che appoggia le proprie basi sul controllo, sul potere
politico e sull'economia.
Mi si inquieta solo pensare che parliamo di popolazioni che non hanno
la forza di rispondere o che non sono in grado nell'immediatezza
di capire dov'Ŕ la beffa!

Vedi il profilo dell'utente

3 Re: Il progetto di Daewoo in Madagascar il Ven 28 Nov 2008, 18:26

Valentina ha scritto:Mi sembra la stessa identica questione del MEND... questi guerriglieri che rivendicano il loro diritto di possesso sulla loro terra: la Nigeria.
E vedrai che se poi non si giungerÓ alla stessa conclusione anche in Madagascar e Corea.
L'errore pi¨ grande Ŕ credere che in qualche modo queste comunitÓ
vengano aiutate. In realtÓ l'aiuto sarebbe dare loro i mezzi,
non fare in modo che questi mezzi diventino proprietÓ altrui.
Ma Ŕ un discorso che va al di lÓ della cultura di un popolo. Purtroppo
Ŕ una questione che appoggia le proprie basi sul controllo, sul potere
politico e sull'economia.
Mi si inquieta solo pensare che parliamo di popolazioni che non hanno
la forza di rispondere o che non sono in grado nell'immediatezza
di capire dov'Ŕ la beffa!


Sono in grado eccome di capire dov'Ŕ la beffa, Ŕ solo che i loro governi sono spesso corrotti, oppure sono governi fantoccio appoggiati da grosse multinazionali, od ancora sono talmente alla fame che qualunque proposta va bene pur di "tirare avanti" anche se per poco...

Pensa che dramma:uno stato Nazionale che svende la propria terra, privato di fatto del suo territorio, ma ovviamente ancora non si Ŕ neanche pensato a fare una legge contro questa nuova forma di COLONIALISMO...
E per la seconda volta torniamo a sfruttare queste popolazioni rendendole di nuovo schiave...

MA POSSIBILE CHE LA STORIA SIA SEMPRE LA STESSA????

POSSIBILE CHE IN ANNI SECOLI DI LOTTE PER I DIRITTI CIVILI NON ISA DI FONDO CAMBIATO NULLA????

Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum